Condividi su

30 dicembre 2014 • 09:10 • Scritto da Valentina Torlaschi

Paul Feig: «Vi spiego perché ho voluto un Ghostbusters al femminile»

Intervistato da Empire, il regista ha raccontato come sta procedendo la lavorazione del reboot della leggendaria saga degli Acchiappafantasmi, del perché abbia scelto una squadra di protagoniste donne, del casting, della decisione di realizzare una commedia "paurosa" ma non R-rated.
Post Image
0

paul-feig-ghostbusters

Dopo mesi e mesi di discussioni, annunci e rettifiche, lo scorso ottobre era arrivata la conferma che un nuovo episodio di Ghostbusters si farà, ma non sarà un semplice terzo episodio, quanto un “reboot in rosa”. A dirigerlo Paul Feig (Le amiche della sposa), il quale produrrà, dirigerà e scriverà la pellicola. Una storia che non sarà un appunto seguito dei film precedenti quanto un film al femminile interpretato da delle attrici comiche.

Intervistato da Empire, il regista ha dato qualche dettaglio in più sul progetto e sulle motivazioni che hanno portato alla sua realizzazione. Ad esempio, perché la scelta di fare un reboot e non terzo episodio? «Avevo troppo rispetto per la saga originale. E poi c’era la sensazione che una volta che il mondo conosceva i fantasmi e li aveva catturati su una scala così grande, loro correvano il rischio di diventare mediocri. E invece c’è qualcosa di molto divertente nell’introdurre il nostro mondo, che non ha mai visto i fantasmi, al fenomeno dei fantasmi. Mi piacciono le storie delle origini e il fatto di introdurre nuovi personaggi».

Nuovi personaggi che saranno tutti personaggi al femminili. Perché questa scelte di genere? «Be’, semplicemente adoro lavorare con donne divertenti. Spesso mi chiedono perché non ‘fare un mix’ tra maschi e femmine: non so cosa rispondere, in questo caso, semplicemente, mi intrigava l’idea di una squadra di ‘lady Ghostbusters’. È così che ha pensato il mio cervello» ha rivelato Feig che al momento è in attesa di avere in mano una prima versione della sceneggiatura.

A proposito della storia, come saranno le atmosfere di questo nuovo Ghostbusters? L’intenzione di Feig è di «realizzare un film più pauroso degli originali. Insieme a Katie Dipold stiamo cercando di costruire una storia un po’ più sinistra, una ‘scary comedy’. Ma, a differenza delle mie commedie del passato, questa volta non sarà una R-rated. La ragione per cui faccio molte pellicole scorrette e vietate è perché voglio che siano oneste. Ma il mondo di Ghostbusters non ha bisogno di questo livello di volgarità e parolacce: in questo caso faremo una commedia PG-13, anche perché vogliamo che il film possa essere visto da un pubblico il più vasto possibile».

Come accennato, alla sceneggiatura Feig sarà aiutato da Katie Dippold, comica-attrice-sceneggiatrice per Parks e Recreation and MadTV che aveva già lavorato con lui per Corpi da reato. Intanto vi ricordiamo che Ivan Reitman, il regista dei film originali della saga, è rimasto coinvolto nel progetto come produttore. Non si sa ancora quando il film uscirà nei cinema.

Nel frattempo si sta cercando di definire il casting. Diversi mesi fa Bill Murray, ovvero il mitico Dr. Peter Venkman dei “vecchi Ghostbusters”, aveva suggerito un gruppetto di interpreti che secondo lui sarebbero perfette per le parti. In questo fanta-casting rientravano Melissa McCarthy, Linda Cardellini, Emma Stone e Kristen Wiig. Al momento ancora nessun nome è stato ufficialmente confermato, mentre alcune settimane fa un nuovo volto si era aggiunto alla squadra di possibili attrici: Rebel Wilson. La giovane star vista in Le amiche della sposa, The Wedding Party e prossimamente in Una notte al museo 3 aveva incontrato il regista Paul Feig per parlare di un suo coinvolgimento nel progetto. Appena ci saranno conferme sul cast vi faremo sapere.

Fonte: CBM

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *