Negli anni settanta Steven Spielberg voleva disperatamente dirigere un film di James Bond, ma come ben sappiamo non è riuscito ad aggiudicarsi il lavoro. Parlando con il Daily Mail il regista ha spiegato di essere andato da Cubby Broccoli, il produttore che ha dato vita alla franchise di 007, per offrirgli i suoi servigi.

“Sono andato da Cubby Broccoli e gli ho chiesto se potevo farlo e mi ha detto di ‘No’. Non gliel’ho più chiesto. Al suo posto ho fatto la serie di Indiana Jones”.

Spielberg ha puntualizzato di essere comunque rimasto un grande fan di Bond, riempiendo di complimenti l’ultimo film, Skyfall diretto da Sam Mendes.

“L’ho già visto una volta, e lo vedrò un’altra volta”.

Il regista aveva precedentemente parlato di questo retroscena poco più di un anno fa, durante un Q&A per Super 8.

“Quando ho iniziato a fare film, l’unica franchise che mi interessava e di cui volevo essere parte era James Bond. Quando ho iniziato come regista televisivo, il mio sogno era di fare un piccolo film che mi desse una certa notorietà, e poi Cubby Broccoli mi avrebbe chiamato e mi avrebbe chiesto di dirigere il prossimo film di James Bond. Ma non sono mai riuscito a convincere Cubby Broccoli, e ora, purtroppo, non possono permettersi di pagarmi”.

Una pellicola di Bond diretta da Spielberg sarebbe stata interessante, proprio in quegli anni 007 era interpretato da Roger Moore. Ma se Broccoli avesse assunto Spielberg, molto probabilmente il regista non avrebbe diretto Indiana Jones. Fortunatamente Lucas ha convinto l’amico a dirigere I predatori dell’arca perduta, e il resto è storia.

Fonti Daily Mail, The Playlist