Nell’easter egg alla fine di The Avengers è stato introdotto Thanos, la mente dietro l’invasione della Terra da parte dei Chitauri. Da quando è stato presentato il personaggio sono nate molte ipotesi sulla sua prossima comparsa in altri film Marvel della Fase 2, e soprattutto come villain principale di The Avengers 2.

Quando è stato chiesto a Louis D’Esposito se il Titano sarebbe stato presente nella prossima pellicola di Whedon, il co-presidente dei Marvel Studios non si è particolarmente sbottonato.

“Penso che la presenza di Thanos faccia in mondo che il pubblico rimanga interessato. Alla fine di Iron Man, molti non sapevano chi era Nick Fury e molti si chiesero chi era il tizio bendato. Serve a generare interesse e da lì si può andare avanti e raccontare le loro storie”.

Ma se ricorderete bene Fury è poi comparso in Iron Man 2, Thor e Captain America: Il primo vendicatore, quindi la possibilità che il personaggio di Thanos compaia in altri film, è abbastanza plausibile.
Al momento alla Marvel stanno lavorando per ampliare i mondi delle varie franchise, dove verrà ampliata la mitologia di ogni supereroe. Non sappiamo ancora quanti e quali supereroi si riuniranno alla fine in The Avengers 2, ma D’Esposito anticipa che potrebbero aggiungere qualche altra faccia nuova nel film.

“Ne Abbiamo già discusso e penso che in The Avengers 2 vedremo dei nuovi personaggi. Stiamo lavorando in questo momento alla Fase 2 e abbiamo Iron Man 3, Thor: The Dark World e Captain America: The Winter Soldier, così torneremo a queste franchise e le allargheremo, ma penso che in The Avengers 2 vedremo uno o due nuovi personaggi”.

The Avengers 2 verrà scritto e diretto da Joss Whedon, che come alcuni ricorderanno, dopo l’uscita di The Avengers, non sembrava molto propenso a tornare a dirigere il seguito. Il regista in un’intervista con Co.Create ha spiegato il motivo del suo tentennamento:

“C’è un aspetto commerciale e sarei ipocrita a non dirlo, ma la questione per me è, ‘Ho un’altra storia da raccontare su queste persone?’ Così abbiamo lavorato sul lato commerciale e non pensavo che sarebbe successo – ero come ‘Non ho intenzione di farlo di nuovo’. Ma una volta che hanno lavorato sull’aspetto commerciale ho pensato che sembrava giusto e fantastico, quindi, la domanda era, ‘Ho un’altra cosa da dire?’
Ero a Londra e sono andato in un pub ed ho chiesto fish and chips e una pinta ed ho iniziato a scrivere sul mio taccuino. Stavo scrivendo come se avessi dovessi scrivere cosa avrei voluto dire su questo progetto e 40 minuti più tardi ho riempito il taccuino. Così ho mandato un messaggio al mio agente e gli ho detto di accettare l’accordo.
Sono così innamorato di questo universo e dei suoi personaggi e il modo in cui sono stati interpretati ed ho voglia di fare così tante cose con loro. So che non può competere con il successo del primo ma posso provare a fare un film migliore e questo è quello di cui sono entusiasta, questa è la nuova sala della paura che ora sto entrando”.

Nel frattempo il primo film dei Vendicatori è uscito in edizione Home Video, causando un vespaio in Inghilterra e negli altri paesi europei in cui è stata distribuita la stessa versione del film, per una censura in una scena chiave di The Avengers. La Disney ha dichiarato oggi che si scusa dell’errore, dimostrando così di aver mentito nella precedente dichiarazione in cui diceva che le due versioni del film erano uguali. L’errore è stato ammesso anche dalla BBFC, che non aveva dichiarato che questa versione del film, era diversa da quella uscita nei cinema. Al momento però lo studio non ha fornito alcuna indicazione su un possibile indennizzo a chi ha comprato questa versione di The Avengers.

Fonti Cine Premiere, Co.Create, Bleeding Cool