The Twilight Saga Breaking Dawn Parte 1 Teaser Poster 02Regia: Bill Condon
Cast: Kristen Stewart, Robert Thomas Pattinson, Taylor Lautner, Billy Burke, Peter Facinelli, Elizabeth Ann Reaser, Nikki Reed, Ashley Greene, Jackson Rathbone, Kellan Lutz, Michael Sheen, Jamie Campbell Bower, Cameron Bright, Christopher Heyerdahl, Anna Kendrick
Durata: 1h 57m
Anno: 2011

LA RECENSIONE È PIENA ZEPPA DI SPOILER! Se non conoscete la trama e non volete rovinarvi la sorpresa, non continuate la lettura!

Bella ed Edward coronano finalmente il loro sogno d’amore e si sposano. Qualcuno storce il naso, Jacob non riuscirà a perdonarli, ma il matrimonio avviene senza problemi e gli sposini volano in viaggio di nozze in Brasile sull’Isola di Esme. Dopo la tanto agognata notte d’amore, Bella si scoprirà a sorpresa incinta. Ma un’umana e un vampiro cosa possono avere generato? Nessuno lo sa e la gravidanza procede a ritmo forsennato, minacciando la vita della ragazza e la tregua tra i Cullen e le tribù di licantropi di Forks.

La redazione di Screenweek ha deciso di replicare il meccanismo utilizzato per Harry Potter e i Doni della Morte. Pubblicheremo quindi DUE recensioni, un commento di un fan della saga letteraria e uno invece di chi non ha mai letto alcun libro di Stephenie Meyer, in modo da accontentare tutti i lettori.

Iniziamo dal mio commento. Non-fan non significa “hater“, termine spesso usato dalle Twilighters per descrivere chiunque dica anche solo una parola negativa nei confronti della saga.

Ho apprezzato il primo episodio. Ho trovato abbastanza insipido il secondo. Ho detestato il terzo, e con mia grande sorpresa mi ritrovo a dire che questo quarto episodio, prima parte dell’epilogo, è probabilmente il migliore visto fino ad oggi (il tutto contestualizzato nei limiti della serie).

Breaking Dawn Parte 1 ha molti difetti, compensati finalmente sull’altro piatto della bilancia da un buon numero di pregi, che rendono questo episodio particolarmente scorrevole e piacevole anche a chi non ha letto nemmeno una parola della Meyer. Suppongo ovviamente che in sala gli spettatori paganti non ci finiscano per caso, e nemmeno quelli che per tre volte di fila hanno trovato intollerabili e ridicole le storie raccontate, perché in caso contrario il mio commento viene meno (e quindi evitate di farvi del male).

Il più grosso limite rimane proprio la storia, a tratti inevitabilmente ridicola per chi non ama particolarmente la saga. Perché la scrittrice deve continuamente castigare i poveri Bella ed Edward anche se hanno obbedientemente aspettato la prima notte per consumare la loro unione? Perché le attese scene di sesso sono state trasformate in noiose (per Bella) partite a scacchi? Perché i furbissimi Cullen sembrano essere ignari fino all’ultimo della natura dell’essere generato dalla coppia, mentre i lupi sembrano sapere già tutto? Perché Bella deve bere intere sacche di sangue come frappuccini e non può essere trasfusa?

The Twilight Saga Breaking Dawn - Parte I Robert Thomas Pattinson Kristen Stewart foto dal film 9

Ignorando la milioni di domande che un non-fan si pone durante la visione del film, si può apprezzare finalmente una fluidità nettamente maggiore rispetto ai precedenti episodi (che erano scattosi collage di scene del libro), un ritmo incalzante che riesce a sorprendere e creare tensione nel convincente finale ed una regia finalmente assegnata a qualcuno che ha probabilmente compreso lo spirito del romanzo e lo ha ben adattato.

Bill Condon, premio Oscar per la sceneggiatura di Demoni e Dei e nominato anche per Chicago, ha dato il suo tocco personale al film, colorando e illuminando una saga che era gradualmente divenuta sempre più buia (sotto ogni senso!). La scena del matrimonio e quelle della luna di miele, che mi avevano francamente terrorizzato fin dal primo trailer, sono state rese sopportabili e per nulla banali, così come la prima (ed unica!) fantomatica scena di sesso. Il meglio arriva nel finale, quando riesce a trasformare il parto in un vero e proprio horror-romantico.

Inoltre la Summit si è finalmente decisa a spendere qualcuno degli 1.8 miliardi di dollari incassati fino ad oggi per effetti visivi decenti, visto che i lupi questa volta sembrano almeno credibili (anche se rimaniamo anni luce dalla Weta) e le scene d’azione, nonché le varie sequenze digitali della serie “esploriamo il corpo umano“, sono apprezzabili.

La versione originale mi ha permesso di apprezzare un Robert Pattinson meno teatrale del solito e più posato (e con gli occhi meno gialli), mentre Kristen Stewart esprime con la bocca semiaperta (per tre quarti del film) una vasta gamma di sensazioni che non si riesce pienamente a comprendere. Parlare di Taylor Lautner è come sparare sulla Croce Rossa e si può fare un copia-incolla della recensione di Abduction.

Mi è piaciuta molto la colonna sonora, con brani musicali incastrati perfettamente (forse un po’ troppo) nelle varie scene, mentre le musiche composte da Carter Burwell regalano finalmente qualche tema musicale che rimane impresso. Purtroppo a volte tendono a coprire eccessivamente i dialoghi in alcune scene, con la volontà di distrarre il pubblico probabilmente dai difetti e buchi vari.

Tirando le somme, se non siete fan di Twilight ma allo stesso tempo per tre volte siete usciti dalla sala senza strapparvi i capelli, probabilmente apprezzerete questo nuovo episodio anche più degli altri. Sarei ipocrita a dire che non mi sono divertito e mi sono annoiato.

Voto: 6.5

Se volete scoprire in che punto esatto il film viene tagliato e la scena dopo i titoli di coda, proseguite la lettura dopo l’immagine…

The Twilight Saga Breaking Dawn Parte I Robert Thomas Pattinson Kristen Stewart Bill Condon foto dal set 2

La scena finale è forse quella che mi è piaciuta di più per come è stata realizzata. Bella è morta di parto e Edward non sa se è riuscito a trasformarla in tempo con il suo veleno, perché il suo cuore non batteva già più. Dopo qualche ora (o giorno?) la ragazza, che ormai era ridotta a pelle e ossa dalla gravidanza, recupera colore e vigore. La famiglia Cullen se ne accorge e si avvicina al suo corpo, la telecamera inquadra e chiude sugli occhi. Si aprono, e sono rossi. Momento Avatar.

Il film è quindi perfettamente tagliato in due parti, senza un cliffangher alla Matrix Reloaded che faccia infuriare gli spettatori, ed il risveglio di Bella è il finale perfetto. Dopo circa un paio di minuti di titoli di coda viene mostrata un’ulteriore scena, che parzialmente era inserita nel trailer. Ai Volturi arriva la notizia della nascita della bimba trasformazione di Bella, e se prima sembravano ormai in pace con i Cullen l’evento ha destato nuovamente il loro interesse. Stanno per tornare e nell’episodio finale saranno loro i veri villain.

The Twilight Saga: Breaking Dawn arriverà nelle nostre sale  oggi, 16 novembre 2011. Per maggiori informazioni potete consultare le nostre News dal Blog oppure rimanere aggiornati grazie alla pagina Facebook.

Tornate nei prossimi giorni per la FAN-recensione!